Ricominciamo da tre







Tre sono, all'oggi, le "cose" materiali fondamentali intorno a cui ruotano le attività del centro: gli spazi della sede, nei quartieri Settecenteschi in pieno centro a Foggia (dove si porta avanti l'ottica dell' "orientamento socio-educativo" per chi vuole davvero unire la teoria e la pratica, dentro un'atmosfera cooperativa e senza "ideologie"),
il "Rudere" di casa cantoniera con annesso lotto di terra a Borgo Mezzanone (dove abbiamo seminato alcuni ortaggi, piante e e pochi alberi degli oltre 40 che abbiamo preso dal corpo forestale) e l'uliveto di Milka e Paolo, dove abbiamo ri-cominciato l' "Orto dagli umori cangianti" in località Jungo, a circa 6 km da Foggia, zona del Salice (in continuità con quello che abbiamo smantellato lo scorso autunno nella terra che aveva in affitto Nonno Raffaele a cui non hanno rinnovato il contratto). E' quindi fra questi 3 spazi che ci muoviamo oggi nel dare concreto seguito ai principi fondamentali del centro COSE: cooperazione educativa ed econonmica, intergenerazionale, interculturale, interdisciplinare, inter-territoriale.... Naturalmente chiunque è invitato a partecipare. Nell'immediato servono persone per coprire diversi ruoli, in particolare per la comunicazione, la grafica e l'ufficio stampa. Peccato che dobbiamo aggiornare gli amici dopo il fallimento del referendum di ieri. Ma che possiamo farci? Noi continuiamo a sviluppare il progetto Officine Iqbal -per la cprogettazione di una scuola villaggio dedictaa a Iqbal Masih, in una delle zone con il più tragici tassi di degrado umano, sociale, ambientale, economico... Un giorno forse avremo la forza per far valere la voce, anzi le voci dei cittadini e rimediare. Buona continuazione a tutti/e